Rubrica – Mi muovo e imparo

Rachele Nicolucci

Da sempre appassionata di apprendimento, insegnamento, didattica, metacognizione e pedagogia, e amante dei bambini e adolescenti. Insegnante di lettere della SS1G da dieci anni, mediatrice Feuerstein, mamma di Samuele e Gabriele. Fondatrice e coordinatrice del progetto “Sindrome da Apprendimento”.

Marta Favaro

Diplomata Isef, psicomotricista relazionale, neuropsicomotricista dell’età evolutiva,
sono vicina ai bambini negli ambiti dello sviluppo psicomotorio da circa 30 anni.

La Rubrica per genitori, educatori e professionisti che si occupano del bambino nel primo anno di vita.

Cosa succede quanto una mamma-insegnante e una neuropsicomotricista dell’età evolutiva si incontrano, dialogando insieme per il bene del bambino che hanno a cuore e per una innata passione in comune?!

… Può succedere ad esempio di crescere individualmente e professionalmente, nel rapporto col bambino: dialogando, riflettendo, comprendendo, accogliendo, facendo in accordo, esplorando, provando piacere nel gioco e attraverso la relazione mamma-bambino, neuropsicomotricista-bambino.


Mi muovo e imparo è l’occasione per ripercorrere insieme a voi l’esperienza vissuta insieme da mamma insegnante a mamma neuropsicomotricista, e viceversa, regalando ai nostri lettori spunti di attività da proporre ai propri bambini, occasioni di apprendimento teorico e pratico legato soprattutto al mondo del movimento del bambino nel periodo 0-12 mesi.



Qualcosa su di me

Progetti che nascono

Esperienze di Apprendimento.

Dicono di noi

Se sei curioso di sapere cosa stiamo realizzando e alcuni feedback ricevuti, leggi qua: DICONO DI NOI

©SINDROME DA APPRENDIMENTO 2020-2021

Testi e immagini presenti su questo sito sono, dove non diversamente segnalato, di esclusiva proprietà dell’autrice di “Sindrome da Apprendimento”, Rachele Nicolucci, e ne sono vietate riproduzione e diffusione con qualsiasi mezzo. La legge impone a chiunque voglia esporre, anche a uso personale, riprodurre o mettere in commercio la fotografia rappresentante l’immagine di una persona, di ottenerne preventivamente il consenso (art. 96 l. 633/41), in particolare in caso si tratti di un minore, occorre l’autorizzazione da parte di uno dei genitori. In assenza di tale consenso, si configurerà un Reato Penale con l’applicazione delle pene previste dalla legge.

Rispondi